Un morbido approccio ad un cuore di tenebra

Mi ha decisamente colpito nel discorso di Suki Kim l’assenza delle classiche parole “lotta” e “battaglia”, parole decisamente inflazionate nel gergo politico e giornalistico dei nostri regimi, mi riferisco ai regimi europei, che certamente sono incredibilmente aperti e democratici rispetto a quello della Corea del Nord. Ci sarebbe veramente da riflettere sul perché noi siamo affezionati ad una retorica così palesemente basata sul conflitto….

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: