The art of learning

Mi ha fatto molto piacere leggere il post Stephen Heppell and Tate Modern: soprattutto l’affermazione

One of his themes was the need to change our learning spaces in schools in order to change the way pupils learn, and he led a fascinating discussion on this.

Da molti anni vado pensando a nuovi modelli di scuola, modelli capaci di rompere la cappa di apatia che incombe sui nostri alunni ogni qual volta si tratti di studiare . . . C’è poco da fare, non li teniamo più, ormai perdiamo i migliori e non riusciamo a recuperare i peggiori. Dovremmo diventare capaci di fare scuola in un modo del tutto diverso dall’attuale andare a scuola, magari buttando via i libri di testo, rompendo i limiti di contenuto e di tempo delle “materie” (orrenda parola), prendendo spunto da un romazo come da un dipinto.

Dovremmo vivere l’apprendimento.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: