L’arte di ascoltare

Non l’ho scovato io questo brano di Plutarco, mi ci sono imbattutto per vie diverse dallo studio dei classici . . . Mi sembra però così bello e significativo! Lo voglio condividere.

(…) Il silenzio, dunque, è ornamento sicuro per un giovane in ogni circostanza, ma lo è in modo particolare quando, ascoltando un altro, evita di agitarsi o di abbaiare ad ogni sua affermazione, e anche se il discorso non gli è troppo gradito, pazienta ed attende che chi sta disertando sia arrivato alla conclusione; e non appena ha finito si guarda dall’investirlo subito di obiezioni, ma, come dice Eschine, lascia passare un po’ di tempo per consentire all’altro di apportare eventuali integrazioni o di rettificare e sopprimere qualche passaggio. Chi si mette subito a controbattere finisce per non ascoltare e non essere ascoltato, e interrompendo il discorso di un altro rimedia una brutta figura. Se invece ha preso l’abitudine di ascoltare in modo controllato e rispettoso, riesce a recepire e a far suo un discorso utile e sa discernere meglio e smascherare l’inutilità o falsità di un altro, e per di più dà di sé l’immagine di una persona che ama la verità e non le dispute, ed è aliena dall’essere avventata o polemica.”

Plutarco , De recta ratione audiendi. L’arte di ascoltare, trad. Giuliano Pisani, Arnoldo Mondadori Editore,
1995 Milano, pag 54 – 57

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: