Il nuovo anno e la ricerca del senso

Generalmente questo è il periodo delle buone intenzioni e dei buoni proponimenti. Per me si sta singolarmente caratterizzando per la lettura di libri che girano attorno al tema della “ricerca del senso”, sulla importanza per i giovani, e per tutti, del riuscire a costruire un senso per la propria esistenza.

Ho cominciato con il molto propagandato “L’ospite inquietante” (sottotitolo: Il Nichilismo e i giovani) di Umberto Galimberti. L’ho comprato spinto dalle problematiche professionali, dal cercare di capire i tanti perchè dei vari comportamenti dei miei alunni. Qualcosa di interessante nel testo viene detta, ma l’impressione complessiva è quella di un testo “leggerino”, probabilmente svuotato dalle tante partecipazioni del suo autore alle varie rubriche sulla stampa. Anche gli interventi televisivi hanno, a mio parere, giocato a suo sfavore: in 5 minuti di intervista il libro viene quasi interamente raccontato. . .

Sto continuando con un libro che, al contrario del precedente, si sta rivelando molto interessante: Economia della Felicità, di Luca De Biase. L’argomento principale è quello della diffusione dei nuovi media digitali, blog in testa. Mi aspettavo un saggio interessante (ma anche un pò arido) zeppo di dati statistici, economici e antropologici. Invece è una gradevolissima e avvincente narrazione riguardante la necessità e la voglia delle persone di assumere atteggiamenti che non siano dettati dai principi economici del profitto e del mercato; al contrario molti stanno sentendo la necessità di cercare un senso della propria esistenza nella creazione di contenuti digitali da condividere con gli altri. Con evidente stravolgimento dei mercati editoriali e delle dinamiche della costruzione della pubblica opinione.

Copertina de Libro assolutamente consigliabile: mi riservo di tornare sull’argomento a fine lettura!

Riporto dal sito Feltrinelli i contributi in audio tratti dalla intervista all’autore in occasione della presentazione del libro:

Perché questo titolo


I network sociali e l’economia


Un nuovo paradigma


Nuove tendenze nella rete

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: